Scopri il segreto di Wayne Rooney, ecco come ha fatto per i suoi capelli! (Menmagazine.it)

Nel mondo del calcio professionistico, dopo l’introduzione della cosiddetta goal line technology, ed in vista della piena entrata in vigore del Var – Video assistant replay, che apre le porte alla cosiddetta moviola in campo, presto saranno introdotte altre importanti novità. Una di queste farà di certo felici gli allenatori visto che la Uefa ha dato il via libera, da subito, all’introduzione in via sperimentale della quarta sostituzione per le partite di calcio durante gli eventuali tempi supplementari.

La sperimentazione partirà subito dal 16 al 30 giugno del 2017, ovverosia durante il periodo in corrispondenza del quale si disputeranno i campionati di calcio europei maschili Under 21. Via libera alla quarta sostituzione, inoltre, pure durante gli Europei di calcio femminili, dal 16 luglio al 6 agosto del 2017, ed a seguire anche per quelli Under 17 ed Under 19 in accordo con quanto riportato da Gazzetta.it.

Se ti piace il nostro sito, lasciaci un LIKE, non costa nulla e ci AIUTERA' a crescere!
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Tra le altre novità approvate dall’Uefa c’è pure quella relativa ai cartellini gialli e rossi che saranno mostrati anche agli allenatori ed ai componenti degli staff tecnici che sono seduti in panchina, mentre è stata bocciata la proposta dei cartellini rossi temporanei, ovverosia delle espulsioni a tempo, come ad esempio nella pallanuoto, durante lo svolgimento di una partita di calcio.

Per quel che riguarda i campionati di calcio europei maschili Under 21, dal 16 al 30 giugno del 2017, ricordiamo che la copertura televisiva in chiaro sarà a cura della Rai con le dirette Tv, con le partite live in streaming ed anche con gli highlights on demand. Nella competizione c’è anche l’Under 21 italiana, guidata dal Commissario tecnico Di Biagio, che è una delle Nazionali favorite. Oltre alla Polonia, ammessa come Paese ospitante, alla fase finale dei campionati di calcio europei maschili Under 21 ci sono, insieme all’Italia, anche il Portogallo, la Danimarca, l’Inghilterra, la Slovacchia, la Germania, la Repubblica Ceca, la Svezia, la Macedonia, la Spagna e la Serbia.