Scopri il segreto di Wayne Rooney, ecco come ha fatto per i suoi capelli! (Menmagazine.it)

Si avvicina a grandi passi l’appuntamento con la finale della Champions League 2016-2017 a Cardiff, capitale del Galles. Sabato prossimo, 3 giugno del 2017, a scendere in campo saranno infatti la Juventus di Massimiliano Allegri ed il Real Madrid guidato dal mister Zinedine Zidane, con un passato da calciatore in entrambe le squadre, per quello che sembra essere un match aperto a qualsiasi risultato. Intanto in Spagna c’è un’emittente Tv che tifa bianconero come si evince da uno spot che preannuncia l’arrivo del big match. In particolare, nello spot pro-Juve, che è stato tramesso dalla televisione catalana TV3, viene augurato al Real Madrid di vivere una ‘notte nera‘.

‘Ci sono solo undici uomini capaci di evitare l’inevitabile, undici uomini per cambiare il destino e rendere nera la notte alla poderosa formazione bianca‘, recita lo spot della televisione catalana che, quindi, è sfacciatamente pro-juve con la conseguenza che sui social network non si sono fatte attendere le proteste ed i messaggi di indignazione da parte dei tifosi del Real Madrid. Comunque vada, per quel che riguarda gli ascolti televisivi la finale di Champions League Juventus-Real Madrid è già un successo ancor prima che venga disputata. Si prevede, infatti, che l’evento del 3 giugno del 2017 sarà il più visto al mondo in Tv con oltre 200 milioni di spettatori.

Se ti piace il nostro sito, lasciaci un LIKE, non costa nulla e ci AIUTERA' a crescere!
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

‘In finale vince chi fa meno errori, mi auguro li commettano loro’, ha intanto dichiarato una delle stelle delle finale di Cardiff, Cristiano Ronaldo, ai microfoni di Mediaset Premium. CR7, senza alcuna diplomazia, ha anche affermato che ‘Spero in una brutta gara di Buffon’. Le parole dell’asso portoghese lasciano trasparire ottimismo per la conquista di un’altra Champions League, e sarebbe la dodicesima, ma attenzione alla Juventus che non ha eliminato il Barcellona per caso, e che rispetto alla finale di Berlino sembra essere ben più consapevole dei propri mezzi.