Scopri il segreto di Wayne Rooney, ecco come ha fatto per i suoi capelli! (Menmagazine.it)

L’Inter, in vista della prossima stagione, può praticamente virare su Luciano Spalletti come prossimo allenatore dei nerazzurri, nel caso in cui come si prevede il tecnico lascerà l’AS Roma. E questo perché il sogno di portare all’Inter Antonio Conte è praticamente sfumato. L’attuale allenatore del Chelsea, infatti, in queste ore ha confermato la sua ferma intenzione di rimanere al Chelsea per continuare un percorso iniziato peraltro alla grande con la conquista della Premier League.

L’ex tecnico della Juventus e della Nazionale italiana di calcio ha inoltre da un lato confermato come l’intenzione del Chelsea come società sia quello di allestire per la prossima stagione una squadra ancora più forte, e come dall’altro lato, invece, le notizie relative al suo possibile ritorno in Italia siano solo dei rumors.

Se ti piace il nostro sito, lasciaci un LIKE, non costa nulla e ci AIUTERA' a crescere!
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

‘Ho altri due anni di contratto qui, intendo rispettarli’, in un’intervista che è stata rilasciata a Premium Sport, ha non a caso dichiarato Antonio Conte che con il Chelsea, nella prossima stagione calcistica, oltre a difendere il titolo potrà ambire a disputare una grande Champions League con la possibilità, peraltro, di poter incrociare la sua ex squadra, la Juventus con la quale ha vnto tre scudetti di fila al cospetto, invece, di un ruolino di marcia in Europa che complessivamente fu tutt’altro che esaltante.

Intanto l’Inter si appresta a chiudere mestamente un campionato disputato a dir poco sottotono. Domenica prossima, a partire dalle ore 20,45, l’Inter in casa ospiterà l’Udinese sotto la direzione dell’arbitro Signor Di Paolo. Mauro Icardi è ancora indisponibile mentre torna a disposizione del mister Vecchi Kondogbia che ha scontato la squalifica. C’è il dubbio invece su Gabigol e su Joao Mario che, in accordo con quanto riportato da Gazzetat.it, potrebbero non essere convocati dopo che, nel match vinto a Roma contro la Lazio, hanno abbandonato la panchina prima della fine dell’incontro.