Scopri il segreto di Wayne Rooney, ecco come ha fatto per i suoi capelli! (Menmagazine.it)

Dopo sei colpi di mercato, con il settimo già in canna, il raduno 2017-2018 della Prima Squadra dell’AC Milan è iniziato con un bagno di folla. A Milanello ieri c’erano infatti ben 4 mila tifosi galvanizzati, tra l’altro, dagli arrivi di Musacchio, Kessie, Ricardo Rodríguez, Borini, André Silva e Hakan Calhanoglu.

Ma il settimo colpo di mercato è alle porte in quanto è atteso a Milano per le visite mediche di rito l’esterno dell’Atalanta Andrea Conti. In accordo con quanto riportato da Gazzetta.it, dopo una lunga trattativa Andrea Conti passerà dall’Atalanta al Milan per una cifra intorno ai 24 milioni di euro. L’affare, in particolare, si è sbloccato dopo che l’Atalanta ha trovato in Timothy Castagne del Genk il difensore da mettere a disposizione del mister Gasperini.

Se ti piace il nostro sito, lasciaci un LIKE, non costa nulla e ci AIUTERA' a crescere!
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Il primo giorno di raduno del Milan si è poi concluso ieri, dalle ore 18,45, con una partitella aperta al pubblico e con i giocatori rossoneri divisi tra ‘gialli’ e ‘blu’. La partitella si è conclusa sull’1 a 0 con gol di Cutrone che ha sfruttato al meglio un assist servitogli da Fabio Borini.

‘Dobbiamo lottare su più fronti, ma, come ha detto il Mister, l’obiettivo è la qualificazione alla prossima Champions League’, ha intanto dichiarato in esclusiva ai microfoni di Milan TV il vice-capitano Abate, aggiungendo riguardo alle sue condizioni fisiche che ‘sto meglio, l’occhio non è ancora al 100% ma a breve lo sarà. Il fatto di aver ottenuto l’ok da parte dei medici mi ha dato un grande sollievo’.

E se il Milan infila un nuovo acquisto dietro l’altro, nonostante si pensasse che la questione fosse chiusa, sul rinnovo di Donnarumma sembra esserci ancora qualche intoppo. ‘Ora mai ci siamo, la risposta deve arrivarci in tempi rapidi’, ha intanto dichiarato proprio sul rinnovo di Donnarumma, in conferenza stampa, l’ad Marco Fassone a conferma di come la società rossonera, dopo aver fatto tutto il possibile ed oltre, non voglia più tentennamenti.