Scopri il segreto di Wayne Rooney, ecco come ha fatto per i suoi capelli! (Menmagazine.it)

‘Siamo disposti a fare ogni sacrifico per lui, se poi la risposta non dovesse essere positiva attueremo il piano B’. Sono state queste, riferendosi al portiere del Milan Gianluigi Donnarumma, le parole forti e chiare dell’amministratore delegato rossonero Mario Fassone ai microfoni di ‘Premium Sport’.

Ieri pomeriggio, con la disputa dell’ultimo match di campionato a Cagliari, perso dal Milan per 2 a 1, la stagione si è non a caso chiusa con la conseguenza che la dirigenza rossonera può ora mettersi all’opera per rinforzare la squadra. Da questo punto di vista il prolungamento del contratto di Gianluigi Donnarumma è una delle operazioni chiave per l’AC Milan al fine di costruire una squadra vincente, ma a quanto pare da un lato c’è la società rossonera che ha fretta, e dall’altro con ogni probabilità l’agente del portiere, Mino Raiola, che sta temporeggiando.

Se ti piace il nostro sito, lasciaci un LIKE, non costa nulla e ci AIUTERA' a crescere!
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

E’ probabile che il braccio di ferro tra Raiola ed il Milan sia legato alla pretesa economica avanzata dall’agente per il proprio assistito, ma intanto l’Ad Mario Fassone ha escluso, anzi smentito i rumors circolati nei giorni scorsi, ovverosia quelli per cui, in caso di mancato prolungamento del contratto di Gianluigi Donnarumma, in scadenza nel 2018, il portiere sarebbe stato messo fuori rosa per un’intera stagione da vivere in tribuna.

‘Nessuna società potrebbe avere in mente qualcosa del genere’, ha infatti precisato l’amministratore delegato del Milan aggiungendo però nello stesso tempo che ‘Non vogliamo un portiere con il contratto in scadenza’. Intanto ieri pomeriggio a caldo, dopo la sconfitta rimediata a Cagliari, il mister Vincenzo Montella ha parlato di una ‘sconfitta che mi dà particolarmente fastidio’, ma a Milan TV si è espresso anche per quel che riguarda il prossimo calciomercato sottolineando che ‘ci saranno dei giocatori che per me saranno cedibili e incedibili’, aggiungendo però anche che ‘poi dipende dal mercato e dalla società’.