Scopri il segreto di Wayne Rooney, ecco come ha fatto per i suoi capelli! (Menmagazine.it)

Il Crotone sarà la squadra guastafeste domenica prossima, 21 maggio del 2017, allo Juventus Stadium di Torino? La domanda è d’obbligo visto che il mister dei calabresi Davide Nicola crede ancora nella salvezza e, nel match contro la Juventus, è pronto a presentarsi in campo con i suoi uomini e con un pizzico di sana follia.

Sulla carta tra le due squadre non c’è partita, ma la Juventus in campionato è reduce da appena due punti in tre gare, e davanti al proprio pubblico domenica prossima, con calcio d’inizio alle ore 15, sarà ‘condannata’ a vincere se vuole portare a casa il sesto scudetto consecutivo con una giornata di anticipo.

Se ti piace il nostro sito, lasciaci un LIKE, non costa nulla e ci AIUTERA' a crescere!
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Considerando che la Roma giocherà di sabato contro il Chievo a Verona, e che sono elevate le chance di vittoria per i giallorossi, che vogliono difendere e blindare il secondo posto in classifica, alla Juventus domenica il pari non potrebbe bastare per potersi laureare Campione d’Italia. Tutto sarebbe poi rimandato all’ultima partita, quella che la Juventus disputerà in trasferta sul campo del Bologna di Donadoni, ed a quel punto la tensione e l’obbligo di dover fare risultato pieno a tutti i costi potrebbe giocare brutti scherzi.

A Torino ci vuole sana pazzia. Andremo lì con l’idea di sempre, in questo momento mi piace pensare che tutto può accadere’, ha non a caso dichiarato ai microfoni di Radio Rai il mister del Crotone Davide Nicola a caldo dopo aver battuto in casa di misura l’Udinese.

‘Andremo a Torino consapevoli di affrontare una super squadra: speriamo di rovinarle la festa scudetto’, ha invece dichiarato, in accordo con quanto è stato riportato da Gazzetta.it, il presidente del Crotone Gianni Vrenna, aggiungendo che ‘speravo in un pareggio della Juve a Roma, perché forse l’avremmo trovata con meno stimoli, anche se i bianconeri non regalano mai niente a nessuno’.